Vetulonia/Dakar : L’esordio di Lucio Corsi

5188

19 anni, divertente, cantautore e con le carte in regola per percorrere una strada tutta verso la TOP10:
in uscita il 29 aprile il  primo EP di Lucio Corsi.

Mi è arrivata una e-mail quando ero sommerso da un sacco di lavoro arretrato e stavo per metterlo da parte insieme ai kg di megabyte di musica da ascoltare accumulati in questa ultima settimana, sul momento decido di sentire il primo brano e sorrido; d’istinto accedo a wordpress e inizio la recensione.

Lucio Corsi mi ha sorpreso, per l’immediatezza e la giovane età.

Ascoltare questo EP, Vetulonia/Dakar, riporta indietro e nel contempo fa pensare. E’ un lavoro fresco dal sapore cantautoriale italo-francese.

Dinosauri la prima canzone è un inno al nostro pianeta, alla natura e al sole ma è anche una critica nei confronti del cemento che si ritrova nelle nostre metropoli, al buio che si percepisce inghiottiti dai palazzi e all’inquinamento, tutto in una chiave ironica e fresca.

Soren, la seconda traccia, è un inno alla vita, al pensiero ed alla velocità dello stesso; una critica al non saper vivere liberi come farfalle, dove sul finale, i riferimenti a Verga non mancano.

In Le Api viene analizzato, in chiave ironica e surreale, come può essere vissuto lo sradicamento dalla propria terra d’origine, dalla propria casa, proprio come è capitato al cantautore che da Vetulonia, in provincia di Grosseto, si è trasferito a Milano.

Cocomero  un gioco da capire, una canzone non-sense tranne per i riferimenti alla libertà che si possono cogliere al volo, nuotando tra le note di questa traccia consapevole.

Canzone per me una ballata romantica che come le altre canzoni riesce a creare immagini verosimili, analizza i sentimenti e le distanze in chiave tra l’ironico, lo scanzonato e con qualche punta di malinconia.

Questo EP scorre veloce e fa sorridere, lo scanzonato e simpatico Lucio, se continuerà di questo passo, sicuramente saprà proporre canzoni più mature.
I testi, che ad un primo ascolto sembrano semplici, hanno molti riferimenti colti.

Ci auguriamo che possa tornare a farci sorridere presto con un nuovo album.