“Meaning of Dance” : i The Academy sanno farti ballare!!!

1564

La prima traccia dell’album Meaning of Dance lascia un po’ sconcertati perché ti aspetti tutt’altro da un brano elettronico ma i The Academy sanno stupire.

Da For Only Love, si passa a Lone con le sue melodie decisamente accattivanti  e si arriva a Of the P. senza rendersene conto, perché si sa, le canzoni quando sono fatte bene scorrono subito velocemente.
CoverAlbumLa voce di Gianluca Calligaris, cantante della band, è plasmata anche attorno a Somebody Sometimes. 

Al fischio iniziale di Hymm si può pensare di aver per sbaglio cambiato disco  ma non è così; la caratteristica della band è proprio questa, saper stupire con sonorità mutevoli e ben costruite.

Shivering sa stupire nuovamente con uno stile retrò ben amalgamato ai synth, alle chitarre ed ai ritmi della batteria e del basso; ciò ti fa comprendere che questo gruppo ha un ottimo affiatamento e che i musicisti non sono certo di primo pelo. Difatti  i componenti hanno tutti militanze più o meno importanti in gruppi del panorama indipendente del Friuli Venezia Giulia.

Ed intanto la musica scorre e le sonorità si fanno leggermente più cupe.
Il ritmo non manca in Asleep dove basso e chitarra si fanno preponderanti in suoni che sanno rapirti fin dal primissimo ascolto. Ed ecco ritornare il synth in Black Swan accompagnato dalla batteria di Alessio Gambarrota che lascia poi spazio a voce , chitarra, effetti e cori.

Don’t Turn Away torna a far ballare con il ritmo del basso di  Marco Seghene.

La traccia finale è Could Life Ever Be Sane Again? , di certo non la meno importante anche se ultima in lista. Anche in questa canzone lo stile della band, così mutevole, non annoia, fa ballare e intrattenere l’ascoltatore fin dal primo momento.

Meaning Of Dance esce il 3 giugno per Lademoto Records.
Questo è un LP che sa stupire, divertire, ballare e mai annoiare con ritmi che crescono e diminuiscono di continuo mostrando delle caratteristiche tecniche musicali non da poco.
Lo stile risulta eterogeneo e le musiche originali. Esse sono completate in modo eccellente dai testi che, come dice il titolo stesso, contengono tutti un messaggio legato alla danza, a quei rituali tribali che ci accompagnano da ricordi atavici.
Si  passa anche dalla disco dance dei ‘70, alla french touch parigina fino alla new wave ’80 britannica e alla tradizione statunitense.
Un ottimo connubio di cui i The Academy hanno un’ottima padronanza.

La Band è composta da:

Dal 2012:
Gianluca Calligaris
 alla voce, chitarra e synth (Lara B e AbbaZabba);
Marco Seghene al basso, voce e produzione (Lara B, Eddie Cat, AbbaZabba, Jade e Mike Sponza);
Alessio Gambarrota alla batteria (Bizzarrie e Carpool to Nashville);
Vito Gelao alla chitarra e ai synth (Dubtitude e Rudeboys);

Aggiunti nel 2014:
Pierpaolo de Flego
 al bass synth (The Mothership, Free Strangers’ Society);
Nicola Narbone alle tastiere (Cultured Apes).

 

Contatti:

Facebook: tacdmy
Official website: tacdmy.com
YouTube: TACDMY
Twitter: @tacdmy
Soundcloud: tacdmy