L’INGUARIBILE OTTIMISMO DI PIERLUIGI PIERETTI… PER UN VIAGGIO DI “SOLO PIANO” IN UN MONDO MIGLIORE

684

 

PIERLUIGI PIERETTI

Presenta

LOVE WILL COME TOMORROW, IN A BRAND NEW DAY

Autoproduzione

 

Lui si definisce un sognatore, entusiasta della vita ed inguaribile ottimista. “Love will come tomorrow, in a brand new day” è il suo primo album, composto da 10 tracce strumentali per pianoforte eseguite in chiave jazzistica e nello stile delle colonne sonore. L’album sarà pubblicato in versione fisica su Amazon statunitense. Il disco racchiude un messaggio di speranza, positività e ottimismo e invita l’ascoltatore a sognare e a sperare in un mondo migliore.

Come definiresti con quattro aggettivi la tua/vostra musica?

 

Romantica, sognante, rilassante, evocativa.

 

Come si intitola la tua/vostra ultima fatica discografica e come è stato il percorso di produzione della stessa?

 

“Love will come tomorrow, in a brand new day”, pubblicato dalla casa discografica statunitense Tunecore. Ci sono voluti anni per scrivere le 10 musiche strumentali per pianoforte che compongono l’album. Ho trovato un grande produttore ed un ottimo ufficio stampa che credono nel mio progetto e spero che l’album abbia un riscontro positivo.

 

Se ti chiedessi quanta gente “mi porti” ad un tuo concerto, come reagiresti?

 

Bella domanda, ma è ancora presto per parlare di concerti, sono appena agli inizi della mia carriera musicale; sogno, dal 2020 in poi, di avere dei concerti a cui assistano dalle mille persone in su, ma intanto mi concentro sull’usclta del disco, che per me è la cosa più importante.

 

Quanto sono importanti i social per la tua/vostra musica?

 

Non ho Facebook e Twitter, ma uso molto Instagram, mi piace molto e lo reputo fondamentale per farsi conoscere artisticamente e per interagire con i propri followers.

 

A quanti concerti di musica di altri artisti indie sei stato negli ultimi sei mesi e cosa ne pensi dell’underground indipendente?

 

Ultimamente non ho visto concerti di artisti indie, ma di Bryan Adams, David Garrett e degli America. Per quanto riguarda il panorama dell’underground indipendente, lo trovo molto interessante e fondamentale per tutti gli artisti che cerchino di emergere. Il panorama musicale nostrano è pieno di nuovi artisti di grande talento, a cui auguro di potercela fare e di togliersi tante soddisfazioni.