Il Salotto di Malcom: PIA TUCCITTO

613

Nastro rosa e non per benedire Battisti… Nastro rosa per ribadire che finalmente ritroviamo in questo salotto virtuale una donna, una rocker per la precisione. Ho come l’impressione che anche la musica sia sessista in qualche modo, che il rock al femminile sia meno florido e scontato di quello proposto dal sesso forte. E ora che ci penso ho scordato di chiederglielo… 
Benvenuta alla libertà estetica e spirituale del rock di Pia Tuccitto. Benvenuto a questo bel vigile dal titolo “Romantica io” dove dentro ci trovo la saggezza più che l’arroganza, ci trovo l’amore più che la rabbia, ci trovo la ruggine delle ferite che non ha importanza vendicare più che i coltelli spianati di chi non si da pace. Ci trovo qualche classico “finalmente libero” come leggo spesso e ci trovo le nuove scritture e il tutto ha una coerenza che solo da un’artista di tanta esperienza ci si può aspettare. E non è neanche scontato, sia chiaro… dunque verso del rum, sono sicuro che apprezzerà “Paranoid” dei Black Sabbath (giusto per farle trovare un ambiente confortevole) e luci soffuse. Si parla di vita e di amore e poi si ascolta un disco che ha dentro la vera anima del rock italiano, quello che ormai piano piano stiamo mettendo da parte in favore delle finissime trasgressioni digitali.

Benvenuta nel nostro piccolo salotto musicale. Finalmente si torna a parlare di rock. Secondo te perché si dice che sia morto e defunto questo santo rock?

Il rock non è morto, sono solo le radio e le case discografiche che ve lo fanno intendere.

Beh c’è da dire che il tuo è un rock decisamente pacato, almeno in questo disco che vedo molto celebrare la dimensione umana che quella estetica del suono rock in senso stretto o sbaglio? 

Il rock non si misura con le chitarre, non ha dimensioni, il rock uno ce l’ha dentro, io sono semplicemente rock.

E non è un caso che il titolo del disco sia proprio “Romantica io”? Hai voluto mostrarci anche un’altra parte di te? Ma noi la conoscevamo già… 

Io sono innamorata dell’amore e poi…le più belle ballate d’amore  sono rock… !!!

Da rocker voglio farti una domanda spinosa: come vedi tutta questa scena indie devota al santo suono digitale? Insomma non si suona quasi più nulla, ci sono dischi completamente fatti con una tastiera ed un mouse… non per fare i vecchi dinosauri, direbbe qualcuno… però… 

Non mi appartiene…io adoro il suono dei veri strumenti…lì dentro c’è l’anima del musicista che si riversa nel disco.

Il vinile. Questo disco è disponibile anche in questo formato. Soprattutto in questo formato direi io. Che rapporto hai con i vinili? E immagino già la risposta… 

Ho sempre desiderato realizzarlo, sono nata negli anni 60, la magia della puntina non è paragonabile a nulla…mi sono molto emozionata la prima volta che l’ho poggiata su “Romantica io”.

E posso chiederti il perché stampare il tuo disco anche in questo formato? 

Me lo sono regalato per il mio compleanno…!!! Adoro farmi i regali. Se volete acquistarlo insieme al Cd e alla maglia troverete lo Shop online sul mio sito www.piatuccitto.net

Dal vivo… come e quando ti rivedremo (emergenza a parte)? 

Ho dovuto cancellare tutti i miei impegni. E’ solo tutto rimandato. A presto bacio Pia.

Dalla rete lasciatemi pescare “E…”. Certo la conosciamo per Vasco Rossi ma basta pensare a lui. Questa è, e sempre sarà, una delle tante bellissime canzoni di Pia Tuccitto. Diamo a Cesare quel che è di Cesare…