Guca Na Krasu incontra Overjam Festival: Alborosie in concerto

1098

Scritto da Guido ed Angela

Arriviamo a Borgo Grotta pochi minuti prima dell’apertura dei cancelli. Giusto il tempo di avere gli accrediti stampa e, accompagnati da due degli organizzatori dell’Overjam, Andrea Kwalaman e il responsabile di Ticket To Jamaica, entriamo insieme ai ragazzi di Impatto Visivo (ancora una volta le nostre strade si incrociano). Riusciamo a fare un saluto veloce a Riccardo, responsabile e Chef del Soulfood di Trieste, ed a Giulia che si sono occupati del catering per gli artisti.
Dopo qualche minuto inizia ad arrivare il popolo reggae per godersi il concerto. Durante la serata abbiamo il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Peter, persona davvero solare e anch’egli organizzatore dell’Overjam Festival.
Grazie a lui ne scopriamo la filosofia: Overjam significa solidarietà, cultura, non riguarda solo la musica ma tutto ciò che sta attorno, aiutarsi nelle difficoltà, voler fare qualcosa di bello buono e non fermarsi per andare a prendere il sole in qualche spiaggia su qualche fantomatica isola, ma reinvestire per poter offrire sempre qualcosa di più bello e armonico.
Come spiega Peter ognuno ha il suo compito, Andrea, Max e Fulvio ma anche gli altri soci, ognuno si occupa di una parte del festival, chi dell’aspetto commerciale, chi invece dell’aspetto musicale e chi di quello culturale.

A Borgo c’erano un po’ tutti: genitori svogliati che accompagnavano figli troppo piccoli per essere lì, la nicchia di impavidi con le T-shirts e le ragazzine con le gonne corte e le calze velate, i seguaci dei dreads e i tipi classici con Clarks e giacchetta.
Un interessante assortimento di persone all’apparenza differenti ma legate da un unico interesse: Alborosie.
Ma come ogni star che si rispetti, il suo momento  è ben lontano dall’arrivare.

L’attesa viene ampiamente colmata dai gruppi spalla che hanno il compito di infiammare un pubblico già bello caldo.
Per cui sul palco si alterneranno i Pulap Reggae Station con il loro djset in levare, i Siti Hlapci, capeggiati dall’egregio Tadiman, per poi passare ai Sued Massive che aprono la pista alla performance di Lion D accompagnato dai Bizzarri Sound.
Intorno alle 23.45, magicamente in orario, sale on stage l’uomo che tutti aspettavano e per cui tutti hanno pagato.
Alborosie saluta il suo pubblico in delirio e da vita ad un buon concerto ripercorrendo pezzi storici del suo repertorio, come Kingston Town, e proponendo le canzoni del nuovo album Sound the System.
Vedere un pezzo grosso a pochi metri da noi, bisogna ammetterlo, fa sempre un certo effetto.

Sulle note del dj Northern Lights ci congediamo da Borgo Grotta e dal popolo reggae che vive la notte. 

Contatti:
Guca Na Krasu
Impatto Visivo
Overjamfestival