Areaviziata; è on line il video del singolo Fogli dalle Stelle

669

“Pianeta Terra, Anno 2016.
Su questo supporto vi è inciso quello che resta della vita sulla Terra.
Nella speranza di essere intercettato da esseri extraterrestri è stato mandato nello spazio con la presente sonda per varcare i confini del sistema solare, e spingersi verso altri universi.”

AREAVIZIATA è un collettivo di Mazara del Vallo attivo dal 2005 nella scena rap siciliana. Gruppo poliedrico di rapper, producer e videomaker è composto da Axy, Crono, Ju-On, Dest-Roy, Ner e Pazzo Calandrino. Dopo diversi mixtape ed album solisti dei vari componenti, nel 2016 Axy, Crono e Ju-On si dedicano al nuovo disco di AREAVIZIATA “I migliori brani della nostra vita”.
“Fogli dalle stelle” è il primo singolo estratto dal nuovo album, un brano che esalta la forza della fantasia e dell’immaginazione con le quali si può raggiungere ogni parte dell’universo e qualsiasi obiettivo. Il video diretto e prodotto da Alessandro “Axy” Asaro, rispecchia proprio questa volontà di celebrare la fantasia: tre astronauti, un foglio e un’astronave di cartone per raggiungere gli angoli remoti dell’universo.

I migliori brani della nostra vita è un disco che nasce da una domanda: “dove siamo diretti?”.
Un domanda a cui AREAVIZIATA risponde con l’eccentricità: nella tracklist grandi titoli di hit internazionali rinascono trasformate e ritrovano nuovo senso e significato, forse adatto solo a “orecchie extraterrestri”. Nell’album tematiche sociali e personali si susseguono con un linguaggio nuovo ai limiti del visionario, un’idea di rap che non ha paura di esplorare appunto nuovi universi sia nelle tematiche che nelle sonorità, tra rap hardcore, momenti conscious e tracce più sperimentali.

Tutte le strumentali sono state composte da Crono e Axy ad eccezione di “Muore matto” prodotta da Pazzo Calandrino. Tre tracce vedono la collaborazione di Dj Talpa agli scratch mentre la posse track “The show must gone” ospita tutti i membri del collettivo: Axy, Crono, Ju-On, Dest-Roy e Ner.

 

 

Fonte:Ufficio Stampa – SmcItalia