Scapigliati ci svela il segreto di “Figlio Di”

229

 

1) Qual è lo scopo della tua musica?

Emozionare!

Emozionando mi emoziono e l’emozione quando esplode rende liberi e ci fa stare bene.

Quindi, generare emozione per far stare e stare bene.

(Scusate il giro di parole).

2) Quali sono i tuoi ascolti formativi e quelli del momento attuale?

Sono cresciuto con gli anni 70 italiani, la musica che sentiva mio padre,per poi passare a quelli stranieri, Queen, Led Zeppelin, Pink Floyd, attualmente Indie, rock, trap, rap.

Cerco di non limitare mai l’ascolto di brani attuali, credo sia necessario per lavorare ascoltare quello che piace e non.

3) Perchè proprio Scapigliati?

Scapigliati è il mio cognome.

Un cognome con un significato già di suo risonante. Non avevo pensato subito a questo in realtà.

Mi sembrava poco originale poiché per me è solo il mio cognome.

Ma guardandolo da fuori mi risulta abbastanza particolare e riconoscitivo.

4) Qual è il lato più spiacevole nel fare musica oggi?

Mi piace fare musica!

Il lato più spiacevole credo che sia il non veder risolte le proprie aspettative quando si hanno delle serie ambizioni.

Per il resto la fatica, il sacrificio le notti a scrivere le ore dietro una sola parola, non creano troppo disagio.

Io faccio il cuoco per pagarmi la musica, so cos’è il sacrificio.

5) La cosa più bella che ti hanno detto?

È stata una ragazza su Instagram che mi ha scritto: “grazie a te che ci fai sognare”

Per me che non sono ai livelli dei “big”, mi fa piacere vedere che la sincerità con cui mi relaziono con chi mi ascolta venga ripagata.

6) Come vedi il futuro di Scapigliati?

È superfluo dire che vorrei riempire i palazzetti. E donarmi completamente al pubblico. Perché è la cosa che più mi piace, condividere le sensazioni ed emozioni con loro.

Mi aspetto comunque di crescere sempre di più e migliorare!

7) Perché “Figlio Di”?

Figlio di… sono diverse parti di me e del mio vissuto.

Ma non pensavo a qualcosa di particolare mentre la scrivevo. È uscita così, in un’oretta di lavoro.

Mi piaceva il riff di chitarra e il testo.

Dopo averli reputati buoni ho deciso di svilupparla. Alla fine non ero convinto di questo pezzo, se non che risultasse quello più apprezzato ed immediato così che poi si è passato alla pubblicazione.

Sul pezzo ho cambiato idea, mi piace!




Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.