RICCARDO BETTO: E’ USCITO “SEI”, SECONDO ESTRATTO DA “TRA LA TESTA E IL CUORE”

291

Un viaggio nell’anima e nel cuore. Una relazione, quella tra l’artista e l’ispirazione, che può trovare un momento di distanza. Come può succedere in qualsiasi ambito delle relazioni. L’artista, in un primo momento, accetta questo allontanamento perché l’amore vero concede pure la libertà di andarsene, tuttavia non riesce a stare da solo: ecco perché con malinconia si mette in cammino, sente l’esigenza di cercarla, di individuare le sue tracce, di scorgerla nei mattini di foschia, di rincorrerla perché non può stare senza di lei. L’ispirazione è infatti la sua vita, è tutto ciò che ha e tutto ciò che dà senso al suo esistere e alla sua essenza di artista. Questa ostinata e appassionata ricerca gli permette di incontrarla nuovamente in un ricongiungimento che crea nuove idee, nuove poesie, nuovi spazi di creatività. L’artista ha ritrovato la sua Vita. Se stesso.

TRA LA TESTA E IL CUORE E’ PRESENTE IN TUTTI I DIGITAL STORES E PIATTAFORME STREAMING.

Spotify – iTunes – Amazon – Deezer

TRACKLIST:

SILENZIO E POESIA

La contemplazione e l’ascolto della natura riescono spesso a suscitare pensieri, a suggerire parole, a ispirare poesie e musiche. Un’armonia con un universo di cui l’Artista ne è l’interprete.

L’ETERNO DUELLO

Un inizio di storia personale che diventa paradigma della vita stessa. In fondo l’esistenza è questo eterno duello dove però prevale sempre il desiderio di conoscere e di provare sensazioni nuove.

HO BISOGNO

È necessario ogni tanto fermarsi e mettersi in ascolto dei propri bisogni. Perché in fondo i bisogni rappresentano una direzione chiara che orienta il dispiegarsi della propria storia.

NON BASTA UN CLIC

I nuovi mezzi tecnologici di comunicazione sono comodi e immediati, riducono tempi e distanze. Ma non bastano. Perché la relazione, l’ascolto e il tempo qualificano sempre qualsiasi rapporto e una comunicazione che desidera essere autentica.

UN VOLTO E UN PIANOFORTE

È un inno all’amicizia vera e profonda: un’amicizia che sa gelosamente custodire la stanza segreta della confidenza, dell’intimità, della condivisione, della reciprocità e dell’accoglienza incondizionata.

SIAMO PROPRIO NOI

Un brano che richiama apertamente ad un senso di appartenenza e di aggregazione, che parte dall’empatia delle relazioni e si apre e si innalza su orizzonti e obiettivi più forti e importanti.

AVANZI DI CREAZIONE

L’opera della creazione non si è mai completata: agli artisti è affidato il compito di creare bellezza e di dare un senso con la propria arte al vivere e a tutte le espressioni della vita.

PRATICAMENTE

C’è il bisogno di riprenderci la nostra identità, l’essenza che non può essere nascosta dai rispettivi ruoli e sentirci liberi di sfidare ciò che può sembrare una pazzia inconveniente. La libertà contagia e altri possono vivere lo stesso rischio di essere sé stessi.

SEI

La crisi di un cantautore per l’ispirazione perduta, il suo viaggio introspettivo per cercarla fino al momento in cui la trova e i due si ritrovano in un incontro che ridà il senso alla vita stessa. Perché l’uno non può vivere senza l’altra.

TRA LA TESTA E IL CUORE

È strana la relazione tra la testa e il cuore. Spesso ci si ritrova combattuti nel discernimento. Si tentano strade, si vivono emozioni e esperienze diverse pur di trovare un equilibrio che permetta di non adattarsi e di trovare la propria modalità per realizzare pienamente la propria vita.

IN QUESTA NOTTE DEL TEMPO

Al termine dell’album, una canzone che diventa un augurio finale. Le parole, la musica e le canzoni sono un fuoco che riscalda nella notte. Un augurio di buona vita a chi cerca, spera, vive e trova il senso di tutto nella stanza della propria anima. Il vero traguardo.

GUARDA IL VIDEO DI “PRATICAMENTE”

https://youtu.be/UBMq3YAKt-Q

RICCARDO BETTO

Riccardo Betto nasce nel 1978. La famiglia, i campi, gli affetti, le strade, i giochi e gli amici sono diventati palcoscenico, luci, musicisti e interpreti della sua infanzia. A sette anni inizia a suonare il pianoforte e a quattordici anni scrive la prima canzone.

Negli anni dell’adolescenza si innamora della musica italiana, dei cantautori e in modo particolare del percorso musicale di Claudio Baglioni, che considera il suo maestro e punto di riferimento. Al patrimonio musicale dei cantautori italiani va la sua gratitudine e tutta la sua ispirazione. Solamente dopo i venti anni inizia a far ascoltare le sue canzoni, mentre cresceva la fiducia e l’ autostima, convinto che prima o poi alcune di quelle canzoni sarebbero diventate le protagoniste di un sogno, un sogno rimandato tante volte e che ha trovato numerose battute d’arresto.

La natura, i profumi, i sentimenti, il creato, il mondo degli animali e relazioni significative lo aiutano a recuperare un linguaggio creativo che aveva smarrito nel tempo così, dal 2013, vive anni straordinari di creatività a livello di musica, scrittura e sogni. Il periodo sicuramente più fertile e fecondo. Non meno difficile. Anni descritti proprio nei brani del suo album, “Tra la Testa e il Cuore” in cui si trovano il mondo, il tempo, l’intimità, la magia, la poesia, la tensione e le notti vissute. Ci sono i movimenti del cuore, della semplicità, il rischio complesso ma affascinante delle relazioni vissute nella autenticità e nel tentativo della profondità, c’è un percorso intimo e personale dentro sé stessi, nella ricerca del vero Sé e dell’Assoluto.

C’è inoltre il gioco leggero e commosso, il senso di magia e di stupore tipico dei bambini che imparano a conoscere con gli occhi, con le sensazioni, con le mani, con l’ascolto, con la fiducia. Le canzoni parlano della vita sotto le diverse sfaccettature e che spesso è la compagna con la quale maggiormente si litiga e ci si arrabbia, ma che inesorabilmente si ama in modo viscerale.

www.facebook.com/riccardobettomusic




Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.