Recensione a “New War Disorder” – Sakem

281

Recensione di Brian Pirrone

Dopo solamente due anni dalla nascita, la band milanese Sakem pubblica “New War Disorder”, il loro primo disco uscito a gennaio 2017.
I componenti della band provengono da precedenti death e gothic metal band della scena milanese e. dopo aver abbandonato i progetti musicali dai quali erano partiti, hanno deciso di dare vita ad una nuova band che propone brani Stoner Groove Metal, un sottogenere della musica heavy metal caratterizzato dall’unione di elementi provenienti dai generi heavy metal, doom metal, acid rock, blues rock e rock psichedelico.

Se si ascolta attentamente il disco e si conosce almeno un po’ il genere, si notano sicuramente alcune differenze rispetto agli elementi tipici di questo genere musicale: non sono presenti atmosfere elettroniche, si trovano metafore profonde nei testi, le melodie e i riff non sono orecchiabili ma in ogni caso lineari, la sezione ritmica non è assolutamente lenta ma è invece molto spinta (in particolare la batteria e le chitarre), gli assoli di chitarra sono particolarmente incisivi come nel brano “Hangman”, in alcuni brani ad un certo punto vi è uno scambio di assoli tra le chitarre (chiamato in gergo “botta e risposta”) ed un esempio calzante è sicuramente “Revolver”. Si può notare che il basso elettrico ha un suono potente e fa sentire costantemente la sua presenza all’interno nelle linee melodiche. E’ una caratteristica da non sottovalutare, considerando il fatto che molto spesso il basso non è sempre incisivo ma svolge un ruolo di contorno rispetto agli altri strumenti. Questa è una costante che si riscontra nella maggioranza dei sottogeneri del metal estremo.

Infine un altro elemento che caratterizza il sound di questa band è il fatto che il cantante alterna una voce più sporca e grezza ad una growl, tecnica ampiamente utilizzata nel death metal. Nonostante la band sia nata da pochissimo tempo, è notevole il fatto che si sia attivata da subito iniziando a comporre i primi brani e a partecipare a concerti e festival. Questo primo lavoro vuole sicuramente rappresentare un buon biglietto da visita e ci si augura che riescano a spiccare il volo nel difficile mondo della musica emergente italiana, anche per il fatto che il metal è un genere ancora poco apprezzato e diffuso in questo paese.

 

 

Contatti:
sito sakemstonesound.com
youtube SAKEMSTONESOUND
facebook SAKEMETAL




Lascia un commento

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.