Miti, leggende e puro Metal; intervista agli Exiled On Earth

922

Diamo il benvenuto agli Exiled On Earth!

Siete appena usciti sul mercato discografico con un nuovo album in studio, potete presentarlo ai nostri lettori?

Il disco è uscito ad agosto per Punishment 18 records .è un album importante al quale abbiamo dedicato tantissimo tempo e crediamo sia la cosa migliore che abbiamo mai fatto fin’ora.. la pre-produzione è durata parecchio ed è servita a avere chiaro l’obiettivo, ovvero, avere delle canzoni tecniche ma fluide all’ascolto.
volendo fare un parallelo col precedente lavoro posso dire che F.O.D. rappresenta quasi una continuazione a livello di testi e tematiche. Ci sono 8 tracce che contengono una elevata dose di riffs e parti melodiche in grado di tenere occupato l’ascoltatore per parecchio tempo. non abbiamo badato troppo a cose come la durata che dovesse avere o se una determinata tematica potesse o meno essere trattata, abbiamo detto la nostra in merito a soggetti variegati facendo un parallelo tra la condizione umana nella società moderna e tematiche più “sci-fi” quali le mostruosità Lovecraftiane e cospirazioni degli Illuminati. Anche se l’ascoltatore ha l’ultima parola in merito, noi pensiamo sia un ottimo album che esprime la giusta dose di energia e durezza.

Come è nata la vostra band e quali sono le vostre origini?

La band nasce nel 2000 , dalle ceneri dei Maelstrom (1994-1998)con l’intento di creare un metal variegato e tecnico . volendo fare i pignoli potremmo considerarla la stessa band col nome diverso in quanto le idee di adesso sono più o meno le stesse di prima però più mature e sviluppate. quindi le nostre origini affondano nel death metal melodico di inizio anni ’90 (dark tranquillity , in flames, at the gates) mescolato a generi più “d’attacco” come quelli proposti da gruppi tecnici quali Coroner, Death o Watchtowr, che sono anche parte integrante delle nostre influenze. Iniziammo con voce growl per poi decidere per una voce pulita su base death / thrash. oggi proponiamo entrambi i registri vocali.

Come è nato invece il nome della band?

Tra le varie motivazioni c’è n’è una che ci ha messo d’accordo quasi subito: da sempre siamo stati affascinati da tematiche ultraterrene e di teorie secondo cui l’uomo rappresenta un esperimento genetico di schiavo “impiantato” sulla Terra da visitatori alieni imparentati con le più antiche razze umane e così ci è venuto in mente Exiled On Earth.

 
Ci sono delle tematiche particolari che trattate nei vostri testi o vi ispirate alla quotidianità in genere? Che peso hanno di conseguenza i testi nella vostra musica?

Nei nostri dischi (e anche nei demo e nel primo mini cd “dualiy conflicts”) parliamo della condizione dell’uomo e del peso che il controllo che impone sulla Terra può avere sulla sua esistenza ma siamo ispirati anche da tematiche più “leggere” come la fantascienza, il pantheon dei Miti di Lovecraft e film.

Quali sono gli elementi della vostra musica che possono incuriosire un vostro potenziale ascoltatore e quali sono quindi le qualità principali del vostro nuovo album?

Il fatto di trovare un registro vocale pulito affiancato ad uno più duro e scream può far avvicinare anche l’ascoltatore più esigente ci sono poi parecchie parti melodiche nei nostri brani e cerchiamo di offrire sempre un prodotto valido dal punto di vista compositivo.In quest’album abbiamo cercato di essere il più eterogenei possibile per quanto riguarda tutte le parti di cui è composto mettendo la tecnica al servizio della canzone affinchè abbia un “aspetto”definito e crediamo di esserci riusciti.

Come nasce un vostro pezzo?

Di solito parte da una mia sequenza di riffs già assemblati. spesso ho in mente l’idea di come debba suonare la canzone e allora sono più facilmente “guidato” verso la sua creazione, altre volte semplicemente le varie parti di chitarra stanno talmente bene assieme che il pezzo si sviluppa praticamente da solo. propongo le parti ai ragazzi e se la cosa piace si va avanti con gli arrangiamenti e poi lavoriamo tutti assieme alle singole parti affinchè il risultato sia definitivo.

Quale è il brano di questo nuovo disco al quale vi sentite particolarmente legati sia da un punto di vista tecnico che emozionale?

Tutti i pezzi sono molto importanti ma volendo scegliere direi che siamo molto legati a brani quali “The Mangler”, ” Forces Of Denial”, “The Glory and the Lie” e ” Vortex of Deception”.

Quali band hanno influenzato maggiormente il vostro sound?

Death, Annihilator, Megadeth, Coroner , Watchtower, Dark Tranquillity, la scena Thrash americana degli anni ’80 e parte del metal classico.

Quali sono le vostre mosse future? Potete anticiparci qualcosa? Come pensate di promuovere il vostro ultimo album, ci sarà un tour con delle date live?

Abbiamo da poco pubblicato il nostro primo video ufficiale di “Forces Of Denial” e stiamo cercando di definire alcune date live per continuare la promozione del disco. Inoltre stiamo anche lavorando a materiale nuovo che finirà sul prossimo album.

E’ in programma l’uscita di un album dal vivo o magari di un DVD?

Per ora non è in programma.

Come giudicate la scena musicale italiana e quali problematiche riscontrate come band?

La scena è presente e viva grazie ad ottimi gruppi anche se frammentata in piccole realtà dislocate tra loro, senza fare di tutta l’erba un fascio pensiamo che non venga sempre supportata abbastanza per svilupparsi ulteriormente, si crea così una situazione di stallo da cui è difficile uscire anche solo per proporsi dal vivo.

Internet vi ha danneggiato o vi ha dato una mano come band?

Ci ha sicuramente aiutato. E’ più facile farsi notare e poter pubblicare il proprio materiale (video e quant’altro).

Il genere che suonate quanto valorizza il vostro talento di musicisti?

Suoniamo Metal facendo confluire nella nostra musica le influenze di tutti e quattro. questo ci dà modo di esprimere ognuno di noi al meglio.

C’è un musicista con il quale vorreste collaborare un giorno?

Non ci abbiamo pensato fin’ora ma potrebbe capitare.

Siamo arrivati alla conclusione. Vi va di lasciare un messaggio ai nostri lettori?

Se siete curiosi di sentire la nostra musica potete visitare la nostra pagina Facebook. 
Vi invitiamo inoltre a supportare sempre il Metal Italiano andando a vedere i concerti o acquistando i dischi delle band locali, aiutando così la scena a svilupparsi. Forza Metal!

 

facebook Exiled On Earth 

 

Ufficio Stampa – Mazzarella Press Office




Lascia un commento

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.