“Meccanismi Imperfetti” il nuovo lavoro degli EMOTU

627

Eccoci a recensire l’ultimo lavoro degli emiliani Emotu… Il brano che apre la tracklist è il primo singolo della band uscito qualche mese fa dal titolo “Ogni Cent’Anni”, questa canzone è sicuramente uno delle più radiofoniche dell’intero album. Fin da subito ci fa capire le influenze Electro e Rock della band con liriche in italiano che risultano molto molto d’impatto, un punto a favore di questo brano è sicuramente il ritornello estremamente orecchiabile e fruibile. Secondo brano in scaletta è “Una Goccia” brano più scuretto del primo ma anch’esso di forte impatto, abbiamo capito che i ritornelli sono il vero punto di forza della band. “Vento A Monastir”…Eccoci tornare in mondi più Electro-Synth questo assieme a “Ogni Cent’Anni” sono forse i due cavalli di battaglia degli Emotu… Il brano in questione riesce fin da primo ascolto a far saltellare le sedie del nostro ufficio. Quarto brano è “Eva Su Marte” in questo caso i toni si placano un pochino e ci confrontiamo con il primo brano mid-tempo del quartetto. Loop e linee vocali al top. Con “Senza Luce” i toni si fanno più accesi e torniamo nella confort zone degli Emotu, gli ingredienti sono gli stessi e anche in questo caso il ritornello è il punto di spicco del brano. “Actarus” sesto brano della trcklist ci insegna che gli Emotu sono a loro agio anche con i mid-tempo o semi ballad, questa canzone risulta molto rindondante e sicuramente meno easy listening delle precedenti. “L’Uragano” è il brano più Electro-Dance di “Meccanismi Imperfetti” incalzante come un treno in piena corsa anche se strutturamente più complicato e dai cambi più repentini rispetto ai precedenti. Eccoci con l’ultimo pezzo “Vertici Precipizi” l’unica e vera ballad della band che chiude in maniera degna questo album… Questo brano è sicuramente un altro ipotetico singolo.

Che dire di questo “Meccanismi Imperfetti” sicuramente un ottimo album che fa capire che gli Emotu sono una band consapevole e matura che sa bene i propri punti a favore e i relativi limiti. Gli Emotu infatti sanno perfettamente come equilibrare gli ingredienti e i condimenti della loro insalata, per ottenere il miglior risultato possibile. “Meccanismi Imperfetti” scorre liscio dall’inizio alla fine quindi l’unico consiglio che ci sentiamo di dare è di continuare così.

Voto: 7,5




Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.