Indiepride: indipendenti contro l’omofobia

747

Logo-grafico-con-sottotitolo

Indie Pride – Indipendenti contro l’omofobia, il festival musicale che si batte con Le Cose Cambiano,MeladailabrianzaLezPop e Diversity e insieme a svariati artisti della scena nazionale ed internazionale contro l’omofobia, parte con la campagna #affacciati, un’iniziativa virale che punta a far diventare lo spettatore creatore e fautore dell’iniziativa stessa. 

Tramite una foto “affacciata” nei posti e nelle situazioni più disparate, chiunque potrà diventare protagonista dell’evento dicendo il suo personalissimo NO all’omofobia.

#affacciati vuole sensibilizzare i fans e pubblico e far si che lo spirito sul quale si fondano Indie Pride, Le cose cambiano, Meladailabrianza, LezPop e Diversity diventi sentimento comune: un urlo, una foto, una canzone possono tanto se orchestrati in un coro a più voci e le voci di tutti sono il motore che serve per sconfiggere il problema dell’omofobia.

Le foto correlate di nome, verranno raccolte e condivise sui social media di Indie Pride e proiettati durante i live del 18 ottobre al TPO di Bologna e del 25 ottobre al Bloom di Mezzago.


I prossimi eventi di Indie Pride e Le cose cambiano:

 

20 luglio con Altre di B – Stazione Rogers – Trieste
24 luglio con Mc Nill – Biblioteca Comunale – Terni
26 luglio con mc Nill, UNA e 2Pigeons – RightsNow Festival per i diritti – Stia (AR)
21 agosto con Davide Vettori e Sin/Cos – Gay Village – Padova

http://indiepride.it/

DICIAMO NO ALL’OMOFOBIA: LE COSE CAMBIANO SE IL CAMBIAMENTO COMINCIA DA NOI!!!

Indie Pride – Indipendenti contro l’omofobia quest’anno giunge alla sua terza edizione e appurando che il problema dell’omofobia e del bullismo omofobico è purtroppo ancora lontano da una risoluzione legislativa quanto sociale e culturale ha deciso di ampliarsi e togliersi dall’anonimato.
Indie Pride insieme a Le Cose Cambiano hanno deciso di metterci la faccia e di farla mettere a tutti coloro che sostengono e sosterranno la lotta all’omofobia
Nasce così l’idea di un video che unisca musicisti, addetti ai lavori, associazioni ed iniziative con l’unico intento di dire NO all’omofobia.
Il video è insieme una campagna di sensibilizzazione e una richiesta di sostegno per la campagna crowdfunding sulla piattaforma MusicRaiser. Nell’edizione di quest’anno, infatti, considerata la contingenza del problema “omofobia”, uno studio ha rivelato 75 casi denunciati lo scorso anno, Indie Pride insieme a Le Cose Cambiano realizzeranno un doppio evento: il 18 ottobre al TPO di Bologna ed il 25 ottobre al Bloom di Mezzago (MB) in collaborazione con l’Ass. Meladailabrianza.
Nel frattempo Indie Pride – Indipendenti contro l’omofobia e Le Cose Cambiano continuano a portare la loro testimonianza in giro per l’Italia sempre supportati da artisti, associazioni, etichette e addetti ai lavori: 13 giugno a Livorno, 28 giugno a Venezia, 3 luglio a Padova, 20 luglio a Trieste, 24 luglio a Terni, 25-26-27 luglio al RightsNow! Festival dei diritti di Arezzo.

Hanno aderito alla campagna: Iotatola, Altre di B, La Fabbrica etichetta indipendnte, Terra di Nettuno, Levante, Perturbazione, Mescal, Anastacia, Rufus Wainwright, JaLa, Melampus, His Clacynes, Angela Baraldi, Vessel, Massimo Volume, Kay Rush, Cosimo Morleo, Davide Vettori, Tommaso Mantelli dei Captain Mantell, Sfera Cubica, Diodato, Brain e Micha Soul Fuoco negli Occhi, Mc Nill, Fragil Vida, Mandibola records, JoyCut, Bamboo, Irma records, Federico Novaro, Ingrid e Lorenza di Lei Disse Sì, Martelabel, Una, 2 Pigeons. (to be continued…)

Potete aderire alla campagna su musicraiser 
https://www.musicraiser.com/projects/2473-indie-pride-indipendenti-contro-lomofobia

NOI ADERIAMO E VOI?

 

Contatti:

Sito: Indiepride
Facebook:  Indiepride
Twitter: @indieprideIT

 

Fonte: Comunicato stampa “SBAM Ufficio Stampa”




Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.