Il Salotto di Malcom: gli Spaghetti Jenesen

913

Il cappellaccio a falde larghissime, rigorosamente di cuoio. Si aprano i varchi, entra il toro, il cavallo scalcia, dal cinturone piovono birre e la mia donna incita l’amore che devo alla vita. Insomma gente: il grande COUNTRY AMERICANO torna più attuale che mai e il nuovo disco degli Spaghetti Jensen suona proprio bene. Che entrino Rosco e compagni nel salotto del buon vecchio Malcom. “Right Notes” esce in digitale e fisico, una produzione che ormai non si smentisce mai…gli Spaghetti modenesi hanno un nome che fa rumore a spasso per lo stivale italiano. Modenesi? Si all’anagrafe. Per il resto non fatemi ridere. Questi vengono da Nashville!!!

Fuga di cervelli. Si abbandona l’Italia per cercare fortuna altrove…Voi invece di andarci con il corpo ci andate con lo spirito…con la musica…perché?
Noi rincorriamo le nostre radici musicali, che sono piantate in quello che abbiamo sempre ascoltato, blues, rock e Country.
Lo spirito è sempre stato là, tra i banjo, i dobro, le Telecaster. per fortuna con la musica lo spirito viaggia facilmente e noi tutte le volte che imbracciamo gli strumenti è come se prendessimo l’aereo.

Che poi il vostro Country non è quello originale storico da suddisti. Voi siete figli del progresso o sbaglio?
Non sbagli, cerchiamo di fare qualcosa di un po’ più fresco e moderno, provando qualche contaminazione, aggiungendo un po’ più di energia. Un po’ meno acustici e un po’ più elettrici

“Right Notes” e quindi prendiamo nota: quali cose sono da ricordare e da sottolineare in questo disco e quali si possono semplicemente ascoltare?
Secondo me i nostri pezzi hanno qualcosa che difficilmente in Italia si riesce a trovare. Suonare Rock è facile, suonare blues si può fare, però dare quel tocco particolare che ti fa riconoscere subito che un pezzo è comunque anche Country non è banale, e non è molto comune. Ecco, questa è una cosa da segnare.
Per il resto confesso che non cerchiamo di essere originali a tutti i costi, non ci interessa, per cui ad esempio i testi parlano di cose “normali”, semplici, quindi direi semplicemente da ascoltare.

Adesso ci viene la curiosità di sentirvi in acustico: del tipo chitarra, mandolino, un stivaletto che batte il tempo e tanta birra. Ci avete mai pensato?
Ci abbiamo pensato eccome. Abbiamo un set acustico con chitarra acustica, Cajon, basso acustico e banjo che utilizziamo spesso in inverno nei locali più piccoli.
Ci piace molto e ci divertiamo parecchio, riusciamo comunque a trasmettere la giusta energia anche senza ecce3dere con il volume.

Una cosa mi manca davvero: la coralità delle voci che probabilmente nel vero grande country c’erano notte e giorno…
Hai ragione e ci stiamo lavorando. Gli americani sono maestri nei cori, e per noi non è facile, ma ci stiamo lavorando…

E girare un video a Nashville?
Anche su quello ci stiamo lavorando. il problema è che se andiamo a Nashville poi non torniamo più

Amici di Malcom levate di dosso i pregiudizi, chiudete gli occhi e pensate solo a dare fiato alla vostra giornata. In rete il video di lancio che vi presentiamo come di consueto a seguire. Bellissime sensazioni di felicità. “Another Day”…a Modena come per tutta l’America del sud.




Lascia un commento