Il Salotto di Malcom: FRANCESS

419

Altro gira altra corsa. Anzi altro nastro rosa… tanto per star comodi anche con le citazioni Battistiane. Mi faccio bello e rispolvero i libri dove il grandissimo pop americano e il fronte digitale R’n’B di oggi cercano un punto di incontro e lo trovano nelle tante espressioni che probabilmente aspettano ancora un nome e un’etichetta per venir chiamate da tutti una buona volta. E poi la matrice blue, quel gospel di pelle nera, quel certo carisma soul non deve mai mancare. Do il benvenuto per la seconda volta a FRANCESS. L’avevamo incontrata parlando di quel bellissimo disco che è stato “A bit of Italiano” (Link all’articolo). Oggi invece so che si accomoderà facendomi conoscere la sua penna e quella dei suoi collaboratori che rispondono al nome di Mauro Isetti ed Egidio Perduca (per la musica). Si intitola “Submerge”. Ci troviamo a Berlino o forse in Germani, ci troviamo fin dentro la bella vita digitale dei locali notturni o anche tra le pieghe sottili di una seduzione al vino rosso pregiato. Tutto fa di questo brodo una ricatta assolutamente gustosa. benvenuta nel salotto di Malcom:

Torniamo a parlare di FRANCESS. Che rivoluzione è accaduta? Dalla storia della canzone italiana agli inediti americani.
In realtá la canzone italiana è stata una parentesi. Ho sempre scritto brani originali. “A Bit of Italiano” é stato un disco artisticamente molto stimolante che mi ha dato la possibilità di mescolare le mie due lingue e culture esplorando nuove sonorità. La scrittura di inediti però rimane la mia priorità.

Ma poi è stata una evoluzione oppure una scelta semplicemente dettata dal gusto?
Un’ evoluzione guidata dal gusto.

E allora come non chiederti: Italia vs America. Chi vince nella musica di Francess?
Impossibile scegliere. La musica di Francess, proprio come Francesca English, è l’unione di questi due mondi. Penso che sia proprio questo il mio asso nella manica e quindi sarebbe limitante fare una scelta. Da questa unione infatti nascono suoni e parole interessanti che ho ancora voglia di esplorare.

Che poi nelle atmosfere di questo nuovo video “Follow me” c’è tantissimo clima nostrano, anzi direi molto partenopeo. Che ne dici?
Direi proprio di sì. Good Fella, l’unico inedito del mio disco precedente, ha anticipato il mio desiderio di mescolare. Con Follow me ho avuto la possibilità di realizzare questo desiderio.

Nella scena indie digitale di questo pop italiano, il nuovo disco di Francess a quale pubblico arriva? Ma soprattutto che pubblico trova?
Penso che “Submerge” possa arrivare a chiunque. A volte mi stupisco del fatto che venga apprezzato da persone insospettabili che non avrei mai pensato si potessero appassionare a una musica come la mia. Penso di non avere un target in particolare, chiunque sia appassionato di musica e che colga il mio modo di sentirla e viverla, è un ottimo orecchio per ascoltare la mia voce.

Un disco che quasi quasi le tradizioni italiane non vuole abbandonarle. Il singolo che pesco dalla rete è forse il momento più nostrano di tutto il disco. Persino il sapore di salsedine e di sole di porto, persino il dialetto delle regioni di frontiera sembra arrivare. Tutto sembra arrivare. Che sia questa la ricetta vincente…




Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.