Hometwon Heroes ci svelano il segreto della loro “Life Anthem”

129

 

1. Ciao ragazzi, presentatevi al nostro pubblico.

“Buongiorno a tutti, è un piacere essere qui”

2. “Life Anthem” è il vostro singolo, volete parlarcene?!

“Life Anthem racchiude un po’ il nostro approccio alla musica e alla vita in generale. È un inno che incita a riprendere il controllo della propria vita. Il video poi mette in evidenza quanto spesso ci capita di sentirci fuori luogo anche se alla fine se la musica è buona ci si diverte sempre.

3. Il vostro primo singolo è l’anticipazione di qualche futuro lavoro?

“Il singolo è il primp estratto dell’album “First Things First”, uscito a marzo e disponibile su tutte le piattaforme online. Presto uscirà un secondo singolo, per il quale abbiamo già realizzato un videoclip, in ogni caso siamo tornati anche in studio per scrivere il prossimo, non ci ferma nessuno!

4. Come valutate la situazione musicale Italiana del 2018?

“In Italia è sempre la moda a farla da padrone e i generi di solito non sopravvivono. Basti pensare a quanto andava un genere come il rap fino a qualche anno fa e l’indie oggi che sta lasciando sempre più spazio alla trap. Di buono c’è che questa cultura del bel canto che ci trasciniamo da decenni stia svanendo. Il punk rock e il pop punk stanno sopravvivendo in qualche modo, anche se qui non è mai esploso come genere mainstream. Sicuramente ci sono molte band valide che in altre realtà otterrebbero di più, per il futuro speriamo che le chitarre distorte rimpiazzino le pianole campionate”.

5. Vi sentite parte di essa?

Certo, chiunque faccia musica dovrebbe sentirsi, anche nel suo piccolo, parte della scena alla quale fa riferimento.

6. Perché la gente dovrebbe venire a un vostro concerto?

Grazie per l’ottima domanda. Bè siamo 4 musicisti fantastici, canzoni bellissime, qualità cd. Ma poi seriamente guarda che bei ragazzi (no?). Scherzi a parte vi divertirete. E anche noi. Vi abbiamo già detto che raccontiamo delle barzellette fantastiche nei live?

7. Grazie mille ragazzi, ci potete lasciare con un vostro motto?!

Di solito prima di suonare ci mettiamo tutti in cerchio e urliamo “REPENTENS” non vuol dire nulla, ma porta fortuna.




Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.