FRANK Dd & Friends – Dannata Dimensione – autoproduzione

802

disponibile su tutte le piattaforme digitali

0001

Il primo album dei Frank Dd & Friends è una miscela variegata di gusti musicali che rispecchiano il background eterogeneo degli otto musicisti della band, che trovano come punto d’incontro la ritmica in levare. Influenze soul, reggae ed a tratti anche rock si uniscono a testi in tipico stile cantautoriale italiano. “Dannata Dimensione” è un disco piacevolissimo e la definizione che la band stessa usa per la loro musica (“pop in levare”) calza a pennello.

1 Come definiresti con quattro aggettivi la tua/vostra musica?
-Introspettiva , in levare, colorata e bipolare.
2 Come si intitola la tua/vostra ultima fatica discografica e come è stato il percorso di produzione della stessa?
– Il nostro ultimo lavoro si intitola ‘’Dannata Dimensione’’ ed è un album che racchiude un po’ il nostro vario background musicale. E’ stato registrato nell’estate-autunno del 2015 presso il Sonoria Studio di Prato
Ogni pezzo è nato in un clima molto collaborativo dentro il quale ogni elemento della band ha partecipato attivamente alla stesura, arrangiamento dei pezzi portando idee armoniche o ritmiche abbinati a solidi testi firmati da Francesco Diddi , ‘’Frank DD’’ .
3 Se ti chiedessi quanta gente “mi porti” ad un tuo concerto, come reagiresti?
– Per noi ogni concerto è una sfida per coinvolgere e far affezionare un maggior numero di persone possibili. Purtroppo non sempre possiamo avere la certezza di fare date ‘’sold out’’ , sta nell’interesse del gestore sponsorizzare al meglio la serata. Pensiamo che una buona collaborazione tra band e gestori possa portare benefici ad entrambe le parti.
4 Quanto sono importanti i social per la tua/vostra musica?
– I social sono fondamentali per l’attività delle band quanto fare buoni live. Nell’era del web è impensabile non curare la propria immagine sui social. Chi non lo fa è tagliato fuori dal mercato perché è come se non esistesse.
5 A quanti concerti di musica di altri artisti indie sei stato negli ultimi sei mesi e cosa ne pensi dell’underground indipendente?
– Andiamo spesso a vedere i concerti perché vogliamo spingere gli altri gruppi emergenti. Cooperation no Competition è la nostra filosofia nonché titolo di una nostra canzone perché siamo fermamente convinti che la musica è condivisione e non antagonismo.