FAMILY WEAKNESS…UN AFFARE DI FAMIGLIA

846

FAMILY BUSINESS – FAMILY WEAKNESS (BELIEVE RECORDINGS ITALY)
I Family Business sono un duo acustico sul palco, per strada (nella loro attività di buskers, street artists) e una coppia nella vita di tutti i giorni. Arrivano all’album d’esordio dopo un successo sorprendente di una cover che ha girato “alla grande” su FB. Il disco è puntiforme, segue una linea per lo più pop con sfumature che vanno dal gipsy al folk.
Parla di vita, amore, sogni e speranze. Di strade da percorrere ed ostacoli da affrontare. E’ una sorta di “diario di viaggio” dei due componenti della formazione. E la regola principale è quella di non avere regole, vincoli e limiti sia per quanto riguarda il songwriting sia per la stesura dei testi.

Come definiresti con quattro aggettivi la tua/vostra musica?
Fresca, energica, facile e coinvolgente

Come si intitola la tua/vostra ultima fatica discografica e come è stato il percorso di produzione della stessa?
Il nostro disco d’esordio si intitola “Family Weakness” e ha avuto un processo di produzione davvero bizzarro.
Siamo sempre stati molto attivi sui social pubblicando video delle cover piu disparate e il publico che man mano entrava in contatto con il nostro progetto, avanzata spesso la richiesta di poter ascoltare dei nostri brani.
Abbiamo quindi deciso di affidarci ad una piattaforma di crowdfounding, inizialmente per realizzare un EP contenente 4 brani ma, visti i risultati raggiunti dalla campagna (abbiamo raccolto più del 200% del budget richiesto), siamo riusciti a registrare 3 brani in più del previsto e a coprire anche le spese di produzione del nostr primo videoclip

Se ti chiedessi quanta gente “mi porti” ad un tuo concerto, come reagiresti?
Ti direi che sicuramente noi due veniamo
Quanto sono importanti i social per la tua/vostra musica?
Sono fondamentali…pensiamo sia l’unica possibilità rimasta ad una band emergente ed indipendente per crearsi una fanbase e promuovere i propri contenuti
A quanti concerti di musica di altri artisti indie sei stato negli ultimi sei mesi e cosa ne pensi dell’underground indipendente?
Ad essere onesti al 100% ultimamente siamo talmente presi dalle date e dal lavoro che raramente siamo riusciti ad ascoltre qualche band underground…penso però che sia una scena musicale tanto importante quanto “a rischio estinzione” visto l’incredibie aumentare delle difficoltà da fronteggiare. Parlo di di spese, assenza di palchi su ci esibirsi, disinteresse del publico per gli inediti, cachet inesistenti ecc…
Difficoltà ce ne sono davvero tante ma per fortuna siamo una categoria “cazzuta e determinata” eheh




Lascia un commento