Doro Gjat porta un attore di “Romanzo criminale” in un borgo della Carnia

487

Blu è il secondo singolo che anticipa l’uscita – prevista per domani, venerdì 20 aprile – di Orizzonti verticali, il nuovo album di Doro Gjat per l’etichetta indipendente ReddArmy.

Blu rappresenta una delle interpretazioni del titolo del disco: se da un certo punto di vista la verticalità delle montagne del Friuli – dove il rapper e cantautore vive – limita lo sguardo, da un altro consente di avere prospettive inusuali. In questo caso il blu rappresenta il cielo, lo sguardo puntato verso l’alto per evadere dalla realtà. Ma il video va ancora più a fondo: l’anziano protagonista, dopo il rinvenimento di una foto della figlia, vede il suo equilibrio sconvolto e, nonostante l’età, tenta di lasciare le montagne valicando gli “orizzonti verticali” non senza difficoltà…

La storia è ambientata in un piccolo e isolato borgo della Carnia che esprime la volontà di Doro Gjat di ribadire come la musica urban possa essere prodotta in scenari ben lontani dalle metropoli. Nei suoi brani, infatti, vengono sviscerati i limiti e i vantaggi della vita in provincia.

Il protagonista del video è Mauro Cremonini, attore romano che interpreta la parte del vecchio Bufalo in Romanzo Criminale – La serie e che ha recitato anche in film di Martin Scorsese, Ettore Scola e Pupi Avati. Nell’introduzione la sua voce (fuori campo) legge dei versi di Doro Gjat che richiamano proprio il concetto delle prospettive differenti tra chi sceglie di restare e chi abbandona la provincia. La storia avrà un seguito nel video di Icaro, prossimo singolo estratto da un album composto da 12 brani che si muovono sul confine tra hip hop e cantautorato.

La produzione musicale di Blu è del chitarrista Luca Moreale in collaborazione con il beatmaker Kappah, il ritornello è del coro gospel FVG gospel choir. Il video è diretto da Aurora Ovan per Breaking Schemes.




Lascia un commento