DAL PROFONDO SUD… PUNK POWER TRIO…DANNATI E INVISIBILI

757

ETERAE
Presentano
Fermi & Arresi
Etichetta; Scattivorticosi Records
Dal profondo sud, Cosenza, power punk rock trio che, senza tanti fronzoli (disco registrato in due settimane), picchia duro, urla rabbia, impotenza. Senza pensare troppo, come urlano nel brano d’apertura (“Dannati noi”), ci regalano una manciata di brani pieni di veemenza, a cuore aperto, con le vene che pompano sangue e velocità. Dannati, invisibili, musicalmente lunatici, con riff graffianti e beats furibondi, in questo bellissimo album, sono tutto tranne che “fermi e arresi”. Un onda in piena come fu “Dell’impero delle tenebre”.

Come definiresti con quattro aggettivi la tua/vostra musica?
lunatica, sincera, cruda, che picchia dritta al muso (anche se non è un aggettivo ahahhahahaha)
Come si intitola la tua/vostra ultima fatica discografica e come è stato il percorso di produzione della stessa?
questo nostro disco, che poi è il primo, si intitola FERMI E ARRESI: ci siamo soffermati su queste due parole, che urliamo in “DANNATI NOI “, traccia che apre il disco, che è un po’
la condizione sociale attuale dei giovani ma anche di chi tanto giovane non è più, infatti è sempre più facile arrendersi e far finta che tutto stia andando per il verso giusto che combattere e parlare di quello che non va. La produzione è stata abbastanza veloce, abbiamo registrato tutto in 2 settimane presso The Box Studio di Danilo Gentili e Fabio Abate, carissimi amici che hanno curato dalle registrazioni alle riprese del videoclip di IRENE: alcuni brani, che erano già in cantiere da un po’, li abbiamo giusto rifiniti e migliorati prima di entrare in studio; altri sono nati di getto poco prima di registrare, come IRENE e DANNATI NOI.
Se ti chiedessi quanta gente “mi porti” ad un tuo concerto, come reagiresti?
è una domanda che fortunatamente ci hanno fatto in pochi fin ora, ci mette molto a disagio, comunque l’ultima volta che ce lo hanno chiesto non abbiamo suonato in quel locale ahahahaha.

Quanto sono importanti i social per la tua/vostra musica?
come per tutto oggi sono un mezzo fondamentale per la pubblicità, soprattutto nella musica, puoi arrivare a molte più persone che però non sono tutto per noi, puntiamo molto sulla performance live, lì crei il pubblico vero, quello che si affeziona.
A quanti concerti di musica di altri artisti indie sei stato negli ultimi sei mesi e cosa ne pensi dell’underground indipendente?
beh nonostante la nostra città, che è Cosenza, non offra molte alternative per quanto riguarda la musica underground, qualcosa abbiamo avuto modo di vederla, ad esempio l’ultimo è stato il concerto di AL THE COORDINATOR, cantautore folk/bluegrass nostro concittadino, che ha fatto un album secondo noi degno di nota che è Join the coordinator. Quest’estate al Color Fest di Lamezia abbiamo visto gruppi come i ONE DIMENSIONAL MAN, GOMMA, FAST ANIMAL AND SLOW KIDS, GAZEBO PENGUINS, EX OTAGO, NADA CON GLI A TOYS ORCHESTRA, GIORGIO POI; ottime band che fanno dei grandi live. Per quanto riguarda la scena underground indipendente pensiamo che ci siano gruppi veramente validi, come quelli appena citati, con contenuti nei testi ed un ottimo impatto live, poi ci sono band che fondamentalmente fanno musica commerciale camuffata da indipendente e che poco rientra nell’underground. Evidentemente le cose stanno cambiando.




Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.