Contro la propria volontà: il primo album solista di Capovilla

870

Pierpaolo Capovilla è un personaggio tutto d’un pezzo e per questo motivo richiede uno schieramento. O lo si ama o lo si odia, per cui proviamo ad analizzare il suo primo disco solista “Obtorto Collo”, prodotto da Takero Gohara e uscito per La Tempesta Dischi, da una prospettiva di terra franca.

Undici componimenti che appartengono sicuramente alla forma cantautoriale, la maggior parte cantati ma con un paio di episodi a metà tra le note modulate e il reading: è il caso del singolo “Dove vai”, un pezzo che sa della new wave più romantica prodotto in via eccezionale da Giulio Ragno Favero. Con un orecchio teso verso un certo uso della sperimentazione e dell’elettronica, Capovilla è volutamente lontano dalle sonorità del Teatro degli Orrori e più vicino ad artisti come Tom Waits, Nick Cave o, in certi momenti come in “Il cielo blu”, a Mark Lanegan; l’artista qui parla di tematiche private prendendo ad espediente grandi macro argomenti di interesse pubblico – avvicinandosi anche ad alcune cose di De Andrè o Tenco.

La ballata “Bucharest” e il valzer decadente di “Quando” sono tanto intensi quanto la moderata immediatezza di una canzone come “Irene” che dietro la relativa facilità di approccio affronta il tema dell’immigrazione attraverso la storia una ragazza rom che l’artista ha incontrato nei pressi di un ospedale. Probabilmente è questo il momento migliore dell’intero album, un lavoro dove una certa cupezza di approccio stilistico e sonoro è tanto evidente da divenire una sua vera e particolare cifra. I testi sono ricercati, prestano il fianco alla recitazione, spesso dotati di una loro specifica liricità.

“Obtorto Collo” è difficile da approcciare, sicuramente richiede diversi livelli di approfondimento poiché concepito da un artista sui generis; vi si troveranno dentro delle cose ottime a patto però di essere pazienti e non desistere a metà dell’ascolto.

Contatti:

Sito: http://www.pierpaolocapovilla.it/
Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCLZpfY58mz1uREurvVpjG0A
Facebook: https://www.facebook.com/pierpaolocapovilla?fref=ts