Consigli per gli acquisti: #NuovoMEI2016

659

sam_3421-8Bene il giorno è arrivato e mi appresto a partire per il quarto anno di fila a Faenza.

L’autostrada scorre e in poco meno di 3 ore e mezza arriviamo in piazza del Popolo e iniziano ad arrivare copiosi messaggi da collaboratori, amici, colleghi del mondo musicale indipendente.

Il MEI è un appuntamento fisso con gli specialisti del settore ma non solo, è un modo come un altro per incontrare quelle persone con le quali ti senti almeno un paio di volte al mese, un modo per fare rete.

Il MEI è un festival di musica indipendente a 360°, dove trovi artisti e addetti ai lavori in ogni angolo del centro storico. Quando sei a Faenza per il MEI la musica ti avvolge piacevolmente, ogni chiostro, ogni angolo e tutte le strade sono inondate da persone che vengono in provincia di Ravenna per questo esclusivo appuntamento che vede incrociarsi artisti come Daniele Silvestri e Cortex sullo stesso palco.

20160924_203429_001

Lungo il corso incontri Motta con gli occhiali scuri quasi a fargli da maschera, incontri Paolo Benvegnù, Giorginess, Davide ,  il cantante dei Dorian Gray e anche il chitarrista di Chiara Vidonis.

Succede che incontri in un unico posto gran parte dell’industria musicale Indie.

Mentre la sera si avvicina non hai ancora fatto tempo a salutare Alessandro del il Picco.net, gli amici di Esibirsi, Tiziana Barillà di Left, Francesco Galassi, Fabrizio Galassi, Giordano Sangiorgi, Alberto Quadri, Michele di Edicolacustica, gli amici delle agenzie stampa e tanti altri…

Tutto molto concentrato, tutto molto veloce, un attimo e sei dietro al palco di Daniele Silvestri e il momento dopo ti ritrovi al Caffè Nove100 per la rassegna di #misentoindie di Radioccop e Irma Records, lasci la piazza a chi normalmente non sceglie la musica ma viene spinto a preferire quella proposta dai grandi media. Questa sera è diverso; puoi scegliere chi ascoltare: i Suntiago, Cortex, il Geomentra Mangoni, Niccolò Francisci, Motta, Daniele Celona o Daniele Silvestri.

20160924_200441_016

Domenica sono continuati gli incontri e le esibizioni; degna di nota è la rete dei festival dove vengono condivise diverse esperienze e si concretizza sempre di più la voglia di fare le cose assieme, di realizzare una grande “rete” che si rinforzi sempre di più per la musica e con la musica, quella vera, quella composta dagli artisti, non quella imposta.

La conclusione inizia al Corona con il Superstage vede quattro formazioni molto diverse tra loro, tutte molto preparate e motivate: Arx, The Engram, Verderame e Peligro.

Alla fine, si sono aggiudicati la stampa di 300 CD i The Engram, band stoner romana.20160925_234220

Il MEI si è concluso in piazza con la musica nascosta nel silenzio quella che riecheggia nel nostro cuore, nelle nostre menti, negli incontri che solo in certe occasioni si possono fare.

finemei

foto di Francesco Galassi (Exitwell) da sinistra: Francesco Galassi, Fabrizio Galassi, Riccardo De Stefano, Guido de Beden, Niccolò Francisci, Tiziana Barillà

Una sola nota dolente: TRENITALIA ha sospeso la linea ferroviaria nel week end; la causa? Lavori sulla tratta senza che questo venisse comunicato all’organizzazione del MEI. Purtroppo questa mancata comunicazione ha portato un grosso danno economico alla cittadina di Faenza e nello stesso tempo ha privato migliaia di persone della possibilità di raggiungere la capitale della ceramica per il concerto di Daniele Silvestri.

Come sempre l’esperienza è stata fantastica, ci auguriamo che possa esserci un nuovo nuovo mei anche il prossimo anno, trenitalia permettendo, e che la rete cresca sempre di più; chi lo sa magari si chiamerà #201MEI.




Lascia un commento