ANIMARMA…il rock altamente infiammabile

353

Come definiresti con quattro aggettivi la tua/vostra musica?

ROCK dal Sound ALTAMENTE INFIAMMABILE, di sicuro impatto: ENERGIA & SUDORE per far scuotere le teste!

Come si intitola la tua/vostra ultima fatica discografica e come è stato il percorso di produzione della stessa?

Il nuovo EP si intitola “MILLENNIALS”.
Ritrae le nuove generazioni, coloro che portano avanti il mondo contemporaneo, tendenzialmente soggetti che stanno vivendo la digitalizzazione della società attuale enfatizzando scelte, cultura, usi e costumi, nei pro e contro dell’epoca del nuovo Millennio.
Dall’esubero dei Social Network e la perdita di contatto umano nelle relazioni al pressapochismo e la mediocrità del “tutto è dovuto”: concetti che abbiamo voluto esprimere nei testi delle nuove canzoni, nate come sempre dal lavoro di squadra della band e dello staff.
Mesi spesi in sala prove per la preproduzione/scrematura dei brani e due settimane di produzione intensa presso il Freedom Recording Studio (punto di riferimento per l’etichetta ALKA RECORD),

Se ti chiedessi quanta gente “mi porti” ad un tuo concerto, come reagiresti?

Sicuramente penserei che tu, gestore di locale, non abbia la benchè minima idea del trattamento e rispetto che andrebbero riservati al musicista, con l’aggravante della mancanza di una clientela affidabile che giustifichi il tuo lavoro.
E’ vero, ogni Band di successo dovrebbe avere la propria “fanbase” ai concerti, ma intesa come valore aggiunto per il locale, non di certo come condizione per potersi esibire!

Quanto sono importanti i Social per la tua/vostra musica?

Nel 2018 gira tutto intorno ai Social Network.
Il mondo è cambiato (lo sappiamo tutti) e l’adattamento al sistema oggigiorno è inevitabile.
Per questo pensiamo siano molto importanti per una questione di comunicazione di massa e per essere sempre in contatto con la propria “fanbase”, anche se bisogna stare molto attenti a non dimenticare che la vera comunicazione e quella tra le persone reali…

A quanti concerti di musica di altri artisti indie sei stato negli ultimi sei mesi e cosa ne pensi dell’underground indipendente?

Concerti di musica “indie”, se così si può definire il genere di alcuni gruppi italiani (ben pochi, in verità…); ma, se dobbiamo essere obiettivi, le vere Bands “indie” sono straniere: basti pensare a formazioni come i NOTHING BY THIEVES, gli ARTIC MONKEY e gli EDITORS, che meritano attenzione…
Secondo il mio punto di vista, è più corretto definire l’indie underground italiano come “il nuovo pop/rock indipendente” che, ahimè, di rock ha ben poco…




Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.